Le importazioni di vino in USA stanno crescendo, ma l’Italia arretra.

Le importazioni di vino in USA stanno crescendo, ma l’Italia arretra.

L’Italian Wine&Food Institute segnala che nei primi 5 mesi del 2017 l’Italia esporta di meno.

Vuoi rendere il Web una fonte di guadagno per la tua cantina?

Lo puoi fare senza ingenti investimenti economici

con la formula Partnership Winefor.eu

Approfondisci

Pensi che il vino non si venda online?

I numeri parlano chiaro!

I Numeri

Nonostante manteniamo il primato come maggior esportatore di vino negli Stati Uniti, le nostre vendite stanno avendo una leggera flessione.

Questi sono i dati riportati dall’Italian Wine & Food Institute, guidato da Lucio Caputo.

Era già comunque nell’aria che il mercato si stesse assestando, quando l’Osservatorio Paesi Terzi ne segnalò l’eventualità.

I dati ora sono confermati : L’Italia perce circa l’1% sia di valore che di volume, perdendo circa 1,05 milioni di ettolitri e 546,6 milioni di dollari di fatturato.

Certo, non è nulla di drammatico ma comunque è un segnale che non va sottovalutato.

Soprattutto per il fatto che il mercato americano è in controtendenza a questi dati.

Il consumo di vino sta crescendo tanto da far incrementare le importazioni del 10,4% in quantità e del 5,4% in valore.

A differenza del nostro mercato, l’Australia, la Francia e la Nuova Zelanda stanno acquisendo sempre più quote di mercato negli Stati Uniti.

Comunque nonostante una leggera flessione, il nostro spumante sta continuando ad essere molto gradito, in quanto ha registrato un aumento dell’11,6% in quantità e il 5,3% del valore.

Le importazioni di vino in USA stanno crescendo, ma l’Italia arretra.ultima modifica: 2017-07-24T13:29:35+00:00 da redazione